Calci (PI) - Museo Nazionale della Certosa Monumentale. #NottedeiMusei2018 Visite guidate alla Quadreria del Priore e alla mostra "Igor Mitoraj. Donazione Sabatié"

19/05/2018

Calci (PI) - Museo Nazionale della Certosa Monumentale

Certosa Calci Igor Mitoraj, Corazza, bronzo 1980

Per le iniziative della Notte dei Musei 2018 apertura straordinaria dalle 19.30 alle 22.30 e visite guidate alle 20 e alle 21 alla Quadreria del Priore e alla mostra Igor Mitoraj. Donazione Sabatié. La visita alla Certosa si è recentemente arricchita dell’esposizione di una selezione di opere del Maestro Igor Mitoraj  (Oederan 26 marzo 1944 – Parigi 6 ottobre 2014) donate allo Stato il 19 gennaio 2018 e presentate nei monumentali e suggestivi spazi della Certosa in attesa della realizzazione del Museo dedicato all’artista a Pietrasanta.

Igor Mitoraj si forma all’Accademia di Belle Arti di Cracovia come allievo di Tadeusz Kantor che lo esorterà a perfezionarsi a Parigi all’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts. A Parigi nel 1976 realizza il suo primo successo nella personale presso la Galerie La Hune. Nel 1987 acquista un atelier a Pietrasanta e presenta le sue opere alla New York Academy of Art. Sue sculture sono installate a Milano (1991, Fontana del centauro) e a Roma (2003, Dea Roma; 2006, Porte della Basilica di Santa Maria degli Angeli). Nel 2009 realizza le scenografie e i costumi per l’Aida ai Giardini di Boboli a Firenze e la monumentale Porta bronzea della chiesa dei Gesuiti a Varsavia. Nel 2011 sue opere monumentali sono ospitate nella Valle dei Templi di Agrigento e nel 2012 a Ravello nella Cappella di Villa Rufolo e nell’Auditorium Niemeyer. Nel 2014 in occasione dei 950 anni della fondazione della Cattedrale di Pisa espone nella piazza del Duomo, nel Museo delle sinopie e nel Palazzo dell’Opera del Duomo. Nel 2016 trenta statue colossali dell’artista sono state collocate nell’area archeologica di Pompei.

Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci  

facebook_120x120px  Twitter_logo_blue

via Roma, 79  56011 Calci (Pi)
Tel. 050 938430