Firenze - Cenacolo di Ognissanti. #NottedeiMusei2018. La memoria musicale di Dante nel “De vulgari eloquentia” e nella “Commedia”

19/05/2018

Firenze - Cenacolo di Ognissanti

Firenze  -  Cenacolo di Ognissanti

Sabato 19 maggio alle 21, in occasione dell'apertura straordinaria del Cenacolo per la Notte dei Musei 2018, il Quintetto Polifonico "Clemente Terni"  condotto da Guglielmo Visibelli presenta il concerto La memoria musicale di Dante nel “De vulgari eloquentia” e nella “Commedia”, trascrizioni e realizzazioni di Clemente Terni con Lorena Giacomini soprano,  Costanza Redini contralto, Gualtiero Spini tenore, Oronzo Parlangéli baritono, Guglielmo Visibelli basso.  Ingrerso libero. 

Il programma del concerto sviluppa il tema, affascinante e raramente indagato, del retroterra musicale che fece da sfondo alla vita di Dante, la cui eco si riverbera sovente nelle sue opere, sia in citazioni dirette che in influenze ipotizzabili.

Giova ricordare che la poesia medievale era di fatto Musica, non solo perché veniva quasi sempre intonata, ma anche per la natura delle sue strutture formali, fondate sul numerus  (“numero delle parti”, scrive Dante nel Convivio), che era di competenza della Musica come scienza del Quadrivio.

Il progetto esecutivo de La memoria musicale di Dante nasce da uno studio commissionato al M° Clemente Terni negli anni ottanta dalla Società Dantesca Italiana  da cui è scaturita la versione per concerto.

Vi si trovano luoghi cruciali della Commedia e del De Vulgari Eloquentia associati a canti del repertorio liturgico e paraliturgico, ad alcune laude cortonesi,  a melodie attinte dal repertorio dei trovatori.

In alcuni casi il riferimento di Dante a composizioni ben precise è diretto; in altri invece è Terni ad individuare la relazione fra il contenuto e la forma della poesia dantesca e le musiche alle quali il poeta avrebbe attinto o fatto più o meno esplicito richiamo; in altri casi ancora le citazioni poetico-musicali introdotte da Dante vengono associate a intonazioni coeve, secondo un uso ampiamente documentato dalle fonti.

Il Quintetto Polifonico “Clemente Terni” viene formato nel 2004 da Guglielmo Visibelli, ed è erede diretto dell'esperienza concertistico vocale del Quintetto Polifonico Italiano fondato dal Maestro negli anni sessanta.

Per un quarantennio  il Quintetto Polifonico Italiano, attraverso numerosi avvicendamenti che hanno portato all’attuale formazione, è stato lo strumento ideale e flessibile che ha dato voce a importantissimi studi musicologici, scoperte e riscoperte musicali.

L'attuale formazione è composta da esecutori che intendono proseguirne la particolare modalità esecutiva tesa a evidenziare la qualità del suono insieme alla morbidezza ritmica mai disgiunta dalla flessibilità metrica della parola. La continua  ricerca di significativi colori del suono, insieme alla chiarezza e all’incisività dell’enunciazione testuale, vuole essere mezzo evocativo ma soprattutto comunicativo nei riguardi degli ascoltatori.

Cenacolo di Ognissanti
Borgo Ognissanti 42, 50123 Firenze
Tel. 055 286700 e 055 2388754  055 2388603