Arezzo - Museo Archeologico Nazionale "Gaio Cilnio Mecenate". Artbonus per la nuova "Sala del Tesoro"

24/03/2021

Arezzo - Museo Archeologico Nazionale "Gaio Cilnio Mecenate"

Arezzo - Museo archeologico nazionale - Monetiere - Val di Chiana- oncia-inv.12711

Il Museo archeologico di Arezzo  di Arezzo ha avviato il 22 marzo 2021 la raccolta fondi Art Bonus per sostenere il progetto di apertura al pubblico di una nuova sala la   "Sala del Tesoro" interamente dedicata all’antico monetiere.

Con Art Bonus è possibile contribuire alla realizzazione di questo progetto, diventando un mecenate della cultura e acquisendo allo stesso tempo importanti benefici fiscali sotto forma di credito d’imposta. 

Al primo piano del Museo Archeologico Nazionale di Arezzo, lungo la galleria principale, si trova una grande sala chiusa al pubblico da decenni, che custodisce un vero tesoro: il Monetiere, un patrimonio numismatico inestimabile con oltre 2000 monete etrusche, italiche, greche e romane. Una recente verifica inventariale e una intensa attività di studio e catalogazione, hanno evidenziato l'importanza della raccolta numismatica, in particolar modo del notevole gruppo di monete fuse e coniate etrusche e  italiche e principalmente fuse romane, appartenenti alla prima  fase della produzione monetaria di quelle città​. 

Successivamente, nell'ambito di una convenzione fra la Direzione regionale musei della Toscana e il DIDA-Dipartimento di Architettura dell'Università di Firenze, sono state esaminate le caratteristiche strutturali della futura sala, e dopo aver eseguito i rilievi, sono state ricercate soluzioni espositive all'avanguardia per la valorizzazione dei reperti numismatici - piccoli tesori ricchi di valori non facili da cogliere sulla loro piccola superficie -  ed  è stata infine elaborata una prima idea progettuale per il riallestimento e l'apertura al pubblico del Monetiere.

Arezzo- Museo archeologico nazionale - Sala Bacci - quincusse- inv.12601
Un esempio significativo di questo tesoro è già esposto nella sala dedicata alla collezione archeologica della nobile famiglia dei Bacci, una moneta monumentale di bronzo del peso di quasi 750 g rinvenuta a Stroppiello, in campagna, lungo la strada che collega Arezzo con il Casentino.  I lati raffigurano rispettivamente una grande ancora e una ruota con 7 raggi e 3 lettere etrusche che corrispondono ai suoni V, P, N: la moneta appartiene alla serie detta ruota-ancora, conosciuta in tanti pesi e misure e diffusa in Valdichiana, a Chiusi e a Orvieto fra il 400 e il 300 a.C. circa.




Le altre monete aspettano di poter finalmente essere ammirate da tutti e di raccontare la loro storia, fra ritratti imperiali, miti, leggende e figure allegoriche, nella nuova "Sala del Tesoro".

Sostieni il progetto, dona con Art Bonus.

Museo Archeologico Nazionale "Gaio Cilnio Mecenate" e Anfiteatro romano
Via Margaritone, 10  52100 AREZZO 
Tel.  0575-20882

facebook_120x120px  Twitter_logo_blue  YouTube