Pisa - Museo Nazionale di Palazzo Reale

Museo Nazionale di Palazzo Reale
Lungarno Pacinotti, 46  56126 Pisa
Tel. 050 926573
pm-tos.museopalazzoreale@beniculturali.it

Direttore dott.ssa Alba Maria Macripò
albamaria.macripo@beniculturali.it

Il Palazzo, la cui costruzione, tra il 1583 e il 1587, si deve a Francesco I de’ Medici prospetta con la facciata sui lungarni mentre sul retro, attraverso due ampi arconi, è collegato da una parte alla chiesa di San Nicola e dall’altra alla duecentesca Casa delle Vedove. Attualmente sede anche della Soprintendenza, ospita il museo nelle sale del piano nobile. Documenta lo svolgersi nel tempo di un’identica propensione al bello delle classi dominanti, dai Medici ai collezionisti borghesi del Novecento. Vi si espongono infatti le arazzerie e gli arredi che i Medici utilizzavano per adornare le sale del palazzo stesso. Nel novero dei ritratti dei principali esponenti della casata (molti provenienti dalla collezione dell’Ordine dei Cavalieri di santo Stefano) si segnalano le notevoli effigi di Eleonora di Toledo, moglie di Cosimo I de’ Medici (opera del Bronzino) [Sala degli Arazzi], dello stesso Cosimo raffigurato con le insegne granducali (copia dal fiammingo Iustus Sustermans, ritrattista ufficiale della casata), di Ferdinando de’ Medici in veste di cardinale (opera di Alessandro Allori) [Sala 7]. Altri ritratti monumentali dei granduchi  [Sala 8], si affiancano ai numerosi ritratti (opere del Ferretti e del Tempesti) di membri della casata lorenese subentrata ai Medici nel governo della Toscana e di due re sabaudi, Vittorio Emanuele II e Umberto I [Sala 11].
Di particolare rilievo è la raccolta degli armamenti antichi del Gioco del Ponte, ricca di oltre 900 pezzi di fattura lombarda dei secoli XV-XVIII [Sala 6]. Tra le collezioni private pervenute a vario titolo si segnalano opere attribuite a Rosso Fiorentino (Rebecca al pozzo), al giovanissimo Raffaello (il Miracolo dei due impiccati, parte della predella del Trittico di San Nicola da Tolentino) [Sala 12], di Francesco e Luigi Gioli e il lascito ricchissimo del chirurgo Antonio Ceci con dipinti italiani e fiamminghi, miniature su avorio, medaglie, porcellane, bronzetti e disegni [Sale 13-16].
Tra le acquisizioni più recenti sono i dipinti di Plinio Nomellini, Spartaco Carlini, Galileo Ghini, Mino Rosi e Gianni Bertini.
Sono esposti anche la ricchissima gipsoteca e i dipinti di Italo Griselli, tra i maggiori scultori-ritrattisti italiani della prima metà del Novecento [Sale 17-21].

NOVEMBRE AL MUSEO | LE FORME DELL'EROS
Cerca le opere nei musei e condividile sui social. #novembrealmuseo @museitaliani
Nel Museo tra le altre opere, in evidenza “Amor Sacro Amor Profano” di Guido Reni (attr.)

Orari:
dal lunedì al sabato 09:00 - 14:00 (ultimo ingresso 30 minuti prima della chiusura)
Chiusura: martedì, domenica e festivi

ORARI 14 E 15 AGOSTO 2017
14 agosto: 8:30 - 13:30 (ultimo ingresso 13:00)
15 agosto: CHIUSO

Biglietti: € 5.00 (intero)  € 2.50 (ridotto)
Biglietto cumulativo con il Museo nazionale di San Matteo di Pisa: € 8,00 (intero) € 4,00 (ridotto)

Ridotto: Cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Docenti delle scuole statali con incarico a tempo indeterminato.
Riduzioni e gratuità secondo le norme di legge previste per i musei statali.

CARTA DEI SERVIZI

Come arrivare al Museo Nazionale di Palazzo Reale

Novembre al museo_PisaPisa (PI) — Museo Nazionale di Palazzo Reale