Firenze - MAF Museo Archeologico Nazionale

MAF Museo Archeologico Nazionale
Piazza Santissima Annunziata n. 9b - 50122 Firenze
Tel. +39 055 23575  
Uffici: Via della Pergola, 65     
drm-tos.musarchnaz-fi@beniculturali.it
mbac-pm-tos.musarchnaz-fi@mailcert.beniculturali.it

Direttore Mario Iozzo
Tel. +39 055 2357704
mario.iozzo@beniculturali.it

Curatrice della sezione Museo Etrusco: dott.ssa Giuseppina Carlotta Cianferoni
Tel. +39 055 2357719
giuseppinacarlotta.cianferoni@beniculturali.it

Curatore della sezione Museo Egizio: dott. Mario Iozzo
Tel. +39 055 23575     
drm-tos.musarchnaz-fi@beniculturali.it

Biblioteca del Museo Archeologico Nazionale
Responsabile:  dott.ssa Donatella Venturi
Tel. +39 055 2357703, fax +39 055 242213
donatella.venturi@beniculturali.it 

Archivio Fotografico Archeologico
Responsabile: dott.ssa Claudia Noferi
Via della Pergola, 65  50121 Firenze
Tel. +39 055 2357719
drm-tos.fotografico.maf@beniculturali.it 
claudia.noferi@beniculturali.it

Archivio storico
Responsabile: dott.ssa Barbara Arbeid
Via della Pergola, 65   50121 Firenze
Tel. +39 055 2357722 - +39 055 2357721
drm-tos.archivio.maf@beniculturali.it

Giorni, orari di apertura e modalità di ingresso

Ingresso max 80 persone ogni ora (nel Monetiere max 1 alla volta e fino a 3 se dello stesso nucleo familiare)

Saranno visitabili le sale del piano terra (parte della sezione etrusca) e del primo piano espositivo (Chimera, Arringatore, scultura funeraria etrusca, Monetiere e sezione egizia). Il Museo avrà un itinerario di visita obbligato con ingresso separato dall’uscita su via della Colonna.

Resteranno ancora chiusi al pubblico il secondo piano (ceramica greca, vaso François, Idolino di Pesaro, Minerva di Arezzo, Sarcofago delle Amazzoni) e il Corridoio delle gemme. Ci scusiamo per il disagio.

Giovedì dalle ore 14.00 alle 19.00 (ultimo ingresso ore 18,15).
Venerdì, sabato e prima domenica del mese dalle ore 8.30 alle ore 14.00 (ultimo ingresso ore 13.15).
I gruppi e le visite guidate saranno consentiti fino a un massimo di 5 persone in totale.

BIGLIETTI (inclusa la Sala Mostre)
intero € 8,00  ridotto € 2,00
Riduzioni e gratuità secondo le norme di legge previste per i musei statali.
Esibendo il biglietto delle Gallerie degli Uffizi, entro cinque giorni dall’acquisto, l’ingresso al MAF è gratuito.

Indicazioni generali  per l’ingresso e la visita ai musei 

È necessario seguire le indicazioni fornite dal personale di accoglienza e di attenersi alle disposizioni di sicurezza:
• Rilevazione della temperatura a cura del personale e ingresso vietato in caso di febbre superiore a 37.5°
• Ingresso con obbligo di mascherina
• Lavare/igienizzare spesso le mani
• Rispetto della distanza interpersonale di almeno 1,5 mt.
• Non sostare negli spazi di passaggio

_____________________________________________________

La formazione del Museo Archeologico Nazionale di Firenze, uno dei più antichi in Italia, si colloca all’interno di un fenomeno di portata europea: la nascita di musei come istituzioni statali legate alla formazione delle nazioni moderne. Nel quadro di un programma più ampio di riordinamento dei musei della città mediante lo smembramento delle collezioni della Galleria degli Uffizi, il Museo (istituito con Regio decreto del 17 Marzo 1870) fu inaugurato dal re Vittorio Emanuele II il 12 Marzo 1871 nel cd. “Cenacolo di Foligno”, in via Faenza, con le collezioni del Museo Etrusco, che comprendeva anche le antichità greche e romane delle collezioni medicee e lorenesi.
Nella stessa sede di via Faenza era già stato allestito, nel 1855, il Museo Egizio, secondo in Italia solo a quello di Torino, che comprendeva alcune antichità già presenti dal XVIII secolo nelle collezioni medicee, ma ampiamente incrementato per merito del Granduca di Toscana Leopoldo II, che, oltre ad acquistare alcune collezioni private, finanziò - insieme a Carlo X, re di Francia - una spedizione scientifica in Egitto, diretta da Jean-François Champollion, il decifratore dei geroglifici, e dal pisano Ippolito Rosellini, suo amico e discepolo, che sarebbe diventato il padre dell’egittologia italiana. I numerosi oggetti raccolti durante il viaggio, sia eseguendo scavi, sia acquistando reperti da mercanti locali, furono equamente suddivisi al ritorno tra il Louvre di Parigi e Firenze.
L’incremento delle collezioni rese presto inadeguati i locali di via Faenza e nel 1880 il Museo Archeologico fu collocato nella sede attuale del Palazzo della Crocetta, restaurato e integrato nel 1619-20 da Giulio Parigi come residenza di Maria Maddalena, sorella del Granduca Cosimo II de’ Medici. Tra questo palazzo e la chiesa della SS. Annunziata fu anche realizzato un corridoio, per permettere alla principessa, che secondo quanto riporta Giorgio Vasari era "fortemente malcomposta di membra", di assistere non vista alle cerimonie religiose.
Il Museo Egizio, riordinato a partire dal 1880 dall’egittologo piemontese Ernesto Schiaparelli, futuro direttore del Museo Egizio di Torino, fu trasferito in questa stessa sede nel 1883 e inaugurato alla presenza dei reali Umberto e Margherita di Savoia, come ricordano le iscrizioni in geroglifici dipinte nelle sale I e II. Con Schiaparelli le collezioni fiorentine ebbero un notevolissimo incremento, grazie ai suoi scavi e acquisti effettuati in Egitto prima di trasferirsi a Torino. L’ultimo gruppo di raccolte pervenute al Museo Egizio di Firenze consiste in donazioni di privati e di istituzioni scientifiche, tra cui va ricordata quella dell’Istituto Papirologico Fiorentino di reperti provenienti dagli scavi effettuati in Egitto tra il 1934 ed il 1939, comprendente una collezione di stoffe di epoca copta che è fra le più ricche e importanti del mondo.
Nel primo decennio di attività, Luigi Adriano Milani, che nel 1884 diventò direttore del Museo Archeologico, ne curò il nuovo allestimento, mantenendo il criterio espositivo tipologico per le antiche collezioni, utilizzato già dal Gamurrini per il Museo di via Faenza, per quanto già superato all’epoca, che, per sottolineare il processo evolutivo della creazione artistica, perpetuò lo smembramento sia delle collezioni private, che dei materiali di scavo confluiti nelle raccolte granducali; utilizzò invece il metodo storicistico per i reperti dei nuovi scavi, costituendo al piano terreno i primi nuclei del futuro museo topografico, mentre realizzò solo parzialmente il progetto di portare nel museo tutte le sculture antiche conservate nei giardini e nei palazzi fiorentini; il lotto ridotto che riuscì ad ottenere fu collocato nelle arcate del corridoio mediceo e nel giardino antistante.
In compenso, tra il 1890 e il 1898 giunsero dagli Uffizi alcuni dei grandi bronzi etruschi, greci e romani e numerosi bronzetti greci e romani delle collezioni medicee e lorenesi (1890), oltre alla raccolta numismatica (1895) e a quella glittica (1898).
Nel cortile del palazzo furono allestiti i resti dei monumenti romani venuti alla luce nel corso dei lavori di ristrutturazione effettuati nel centro di Firenze alla fine del XIX secolo.
Il 5 Maggio 1898 fu inaugurata la sezione del Museo Topografico dell’Etruria, realizzata da Luigi Adriano Milani, che nello spazio di diciassette sale illustrava la storia degli Etruschi attraverso i materiali raccolti nel corso degli scavi condotti nel territorio dell’antica Etruria; nel Giardino storico, aperto al pubblico nel 1902, furono ricostruite con i materiali originali alcune tombe monumentali, per documentare i principali tipi architettonici funerari impiegati dagli Etruschi.
Dopo la morte di Milani, la ripresa iniziò con Antonio Minto, che attuò una vasta trasformazione dell’allestimento del palazzo della Crocetta, recuperando per l’esposizione il secondo piano, che fino al 1925 aveva ospitato una raccolta di arazzi e stoffe antiche e in cui furono esposte tra l’altro le collezioni ceramiche greche, etrusche e romane, le terrecotte etrusche, la gipsoteca e la Regia Galleria della Pittura etrusca, con i facsimili eseguiti dal Gatti a partire dal 1899.
Il Museo Topografico fu progressivamente ampliato fino a un totale di 52 sale. Nel 1942 fu acquistata parte del Palazzo degli Innocenti, nel quale fu realizzato il nuovo ingresso da piazza SS. Annunziata; ma i due piani superiori, pur ristrutturati, non furono mai adibiti ad allestimento museale. La mancanza di spazi adeguati all’allestimento delle sue ricchissime collezioni è stata sin dalla sua istituzione il male cronico di questo museo, che ha sofferto anche della generale indifferenza della città, più sensibile alle problematiche legate al suo passato medievale e rinascimentale, come lamentava già il Minto.
L’alluvione del 1966 ha completamente distrutto il Museo Topografico e attualmente più di centomila oggetti di straordinario valore sono depositati nei magazzini e per mancanza di adeguati spazi espositivi sono fruibili al pubblico solo in occasione di mostre temporanee.
Oggi, nel Museo Archeologico Nazionale di Firenze è possibile vedere gran parte delle antiche collezioni mediceo-lorenesi (ceramiche, bronzi e altre sculture litiche, incluso il Monetiere, una delle principali raccolte di monete e gemme antiche fra le più grandi e prestigiose del mondo), il Museo Egizio (inclusa una scelta delle stoffe copte), parte della sezione topografica, con grandi complessi funerari etruschi provenienti da tombe principesche, il giardino monumentale e una ricca selezione dei vasi greci rinvenuti nelle tombe etrusche (e non solo), alcuni di quali rinomati in tutto il mondo, come il celebre Vaso François. 

Ascolta le puntate di RAI Radio3 dedicate al Cratere attico detto Vaso François e all'Enigma dell'Idolino di Pesaro con il commento del direttore del Museo dott. Mario Iozzo.

Visita le nuove sale dedicate al Vaso François, al Sarcofago delle Amazzoni e ai Bronzetti greco-romani e guarda il video di presentazione.

Visita la nuova sezione dedicata alla Collezione di gemme antiche dei Medici e dei Lorena e la Testa Lorenzini, capolavoro della scultura etrusca acquistata dal MIBAC, esposta permanentemente al pubblico nella sezione etrusca

Segui aggiornamenti e approfondimenti sul Blog del museo e su facebook_120x120px @archeotoscana app-icon2 @museo_archeologico_firenze  Twitter_logo_blue @MAF_Firenze


... scopri come arrivare

Scarica la Carta dei servizi 2017 . Ultimo aggiornamento ottobre 2017

Accesso per le persone con disabilità motoria

 

 

 

 

 

Firenze (FI) - MAF Museo Archeologico Nazionale, Vaso Francois, 570 a.C.Firenze (FI) - MAF, Museo Archeologico Nazionale, Coppa attica a figure rosseFirenze (FI) - MAF, Museo Archeologico Nazionale, Idolino di Pesaro, copia romana del 30 a.C. da PolicletoFirenze (FI) - MAF, Museo Archeologico Nazionale, Arringatore, fine del II - inizio I secolo a.C.Chimera di Arezzo, IV sec. a.C. ca.Firenze (FI) - MAF, Museo Archeologico Nazionale, Canopo etrusco Firenze (FI) - MAF, Museo Archeologico Nazionale, Coperchio di sarcofago etruscoFirenze (FI) MAF Museo archeologico nazionale - Secondo coperchio anonimo del sarcofago di una sacerdotessa cantatrice di Amon - Terzo Periodo Intermedio, XXI-XXII dinastiaFirenze (FI) MAF Museo Archeologico nazionale - Bassorilievo con la testa della dea Maat, dalla tomba di Sethy I nella Valle dei Re - Nuovo Regno, XIX dinastia, regno di Sethy IFirenze (FI) MAF Museo archeologico nazionale, Carro da caccia -  Nuovo Regno, XVIII dinastiaFirenze (FI) — MAF, Museo Archeologico Nazionale, internoMAF Egizio_sala8Firenze - MAF Museo archeologico #marzoalmuseo