Calci (PI) - Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci

Museo Nazionale della Certosa Monumentale di Calci
via Roma, 79  56011 Calci (Pi)
Tel. 050 938430

Direttore Antonia d'Aniello
antonia.daniello@beniculturali.it 

La Certosa, fondata nel 1366 grazie al sostegno economico di illustri famiglie pisane, sorge fra gli ulivi della Valgraziosa, piuttosto isolata dall’abitato di Calci da cui dista circa 1 Km. Al convento si accede da due viali con un suggestivo percorso pedonale dai quali si gode della vista prospettica della doppia facciata del complesso. Quella più esterna, bassa, era destinata a funzioni  alle quali potevano accedere anche gli abitanti della zona: la farmacia, la cappella di San Sebastiano o delle donne, il parlatorio, e, separata dalla corte d’onore, ampio spazio verde a prato, la facciata del monastero vero e proprio nel cui centro è la spettacolare facciata della chiesa, rivestita in marmo bianco, con uno scalone a doppia rampa e il coronamento del timpano con la statua dell’Assunta fra angeli.
Il convento, monastero di clausura dell’ordine certosino di San Bruno, fu soppresso in epoca napoleonica prima, e sabauda poi, ma fu nuovamente abitato dai monaci fino al 1969 quando lo abbandonarono definitivamente.
Nella Certosa sono aperti al pubblico gli ambienti dedicati alla vita eremitica, il chiostro grande lungo i cui bracci sono disposte le 15 celle dei monaci, una delle quali aperta alla visita,  gli ambienti di natura religiosa, la chiesa e le cappelle e quelli dove si svolgeva la vita cenobitica, il refettorio e il capitolo.
Nella sagrestia è esposta la Bibbia atlantica straordinario codice miniato del XII secolo in quattro volumi rientrata nella sede originaria nel 2015 dopo un deposito decennale nel Museo Nazionale di San Matteo di Pisa. La visita alla  parte monumentale si conclude con la foresteria granducale, il chiostro delle foresterie, la quadreria e i lunghi corridoi le cui pareti sono arricchite da raffinate decorazioni ad affresco.
Al piano terra della Certosa Monumentale hanno sede gli ambienti che ospitano l'Archivio storico e la Biblioteca monastica, realizzati nel 1770 nell'ambito dei grandiosi lavori di ampliamento e decorazione del complesso monumentale. L'archivio comprende, oltre a diverse cassette settecentesche contenenti fogli sciolti, un fondo diplomatico costituito da 3307 pergamene databili tra il 999 e il 1796, fonte fondamentale per la storia del territorio pisano. La biblioteca monastica, la cui consistenza conta 2320 esemplari, conserva diversi manoscritti moderni, 5 incunaboli, 65 cinquecentine, 165 edizioni del XVII secolo ed oltre 1200 edizioni databili al Settecento e ai primi decenni dell'Ottocento; è quanto rimane oggi dell'originaria dotazione della biblioteca, la cui entità prima della dismissione del monastero decretata nel 1972 dal Capitolo Generale dell'ordine superava di gran lunga le 10.000 unità tra manoscritti e volumi a stampa. L'archivio e la biblioteca, il cui fondo librario è stato recentemente catalogato in SBN e reso disponibile sul Servizio Bibliotecario Nazionale, aprono agli studiosi previa autorizzazione (inoltrando domanda all'indirizzo pm-tos.certosadicalci@beniculturali.it) e al pubblico in occasione di eventi e visite guidate straordinarie.
La Certosa ospita il Museo di Storia naturale dell’Università di Pisa  allestito principalmente nei locali di servizio del monastero: il grandioso granaio, lungo circa 100 metri, il frantoio, le lavanderie, i cortili di servizio per le attività agricole.

AVVISO IMPORTANTE
Sono attualmente in corso alcuni lavori di restauro che interessano la Chiesa e uno dei bracci del Chiostro grande: la Chiesa rimane comunque accessibile ma, per motivi legati alla protezione  degli arredi, non è possibile vedere il Coro dei Padri, l’Altare maggiore e i due Angeli in marmo di Andrea Vaccà.
Ci scusiamo con i visitatori per il disagio

Part of the monastic complex of the Certosa di Calci is closed due to work in progress restoration. During this period only the Refectory, the Chapterhouse, the Grand Duke’s apartment and the Pharmacy will be accessible to visitors.
We apologize for the inconvenience.

Modalità di visita, informazioni e regole di comportamento
Il complesso monastico si visita, nelle sue parti monumentali, accompagnati dal personale del Polo Museale della Toscana.  E’ necessaria la prenotazione per gruppi superiori a 15 persone.

"La Certosa nascosta" Dal 26 dicembre 2016 al 28 febbraio 2017, alla scoperta dei luoghi più segreti della Certosa

Visita virtuale
Un sistema per l'accesso virtuale ed interattivo al complesso della Certosa è stato realizzato dal progetto "ARTESALVA" (Scuola Normale Superiore e CNR-ISTI)


Orari:

da martedì a sabato: 8.30-18.30 (ingresso ogni ora in gruppi accompagnati)
domenica e festivi: 8.30-12.30
Chiusura: tutti i lunedì, 1° gennaio, 25 dicembre

Il Museo partecipa all’iniziativa “Domenica al museo”:  ingresso gratuito la prima domenica del mese. Non si effettuano prenotazioni per gruppi. In relazione all’affluenza è possibile che ci siano tempi di attesa.

Informazioni e prenotazioni:
Tel.: 050/938430
pm-tos.certosadicalci@beniculturali.it



facebook_120x120px

  Twitter_logo_blue

Biglietti: € 5.00 (intero)  € 2.50 (ridotto)

Ridotto: Cittadini dell’Unione Europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni. Docenti delle scuole statali con incarico a tempo indeterminato.

Riduzioni e gratuità secondo le norme di legge previste per i musei statali.

Come arrivare alla Certosa Monumentale di Calci

L’accesso alla Certosa avviene attraverso il bel viale pedonale che, dalla fine di Via Roma, sbocca sul piazzale su cui affaccia il portico d’ingresso. Allo stesso luogo giunge il viale detto “dei Madonnoni”, caratterizzato da due edicole monumentali, parti integranti del percorso di visita alla Certosa.

PER CHI ARRIVA CON PULLMAN PRIVATO:
Il parcheggio per tre pullman turistici è in Via Oberdan Brogiotti nel centro di Calci,  a circa 700 m. dalla Certosa. Altre aree di parcheggio sono subito fuori dal centro, in località La Gabella: in Via Granucci, Via Lungomonte e in via Ettore Tozzini. I pullmini da 16 posti possono percorrere tutta Via Roma fino alla delimitazione della zona pedonale, e imboccando la strada sterrata sulla sinistra, giungere al parcheggio situato nei pressi dell’ingresso alla Certosa.
PER CHI ARRIVA CON AUTO PRIVATA:
E’ possibile posteggiare lungo Via Caprili,  Via Trieste e strade limitrofe.
Un’area di parcheggio si trova lungo la Strada Provinciale 24 prima del semaforo di Via Roma, sulla sinistra. Le auto possono anche sostare nell’area di parcheggio di Via Oberdan Brogiotti.
ACCESSO DISABILI:
Le auto al servizio di disabili, munite di apposito tagliando,  possono percorrere tutta Via Roma fino alla delimitazione della zona pedonale, e imboccando la strada sterrata sulla sinistra, giungere al parcheggio situato nei pressi dell’ingresso alla Certosa.
E’ possibile prenotare un servizio gratuito offerto dalla Misericordia di Calci telefonando in anticipo al numero 050/938400.

Calci (PI) — Museo Nazionale della certosa Monumentale di Calci, esternoCalci (PI) — Museo Nazionale della certosa Monumentale di Calci, esternoCalci (PI) - Museo Nazionale della certosa Monumentale di Calci, Chiesa della Certosa, internoCalci (PI) - Museo Nazionale della certosa Monumentale di Calci, Farmacia, internoCalci (PI) - Museo Nazionale della certosa Monumentale di Calci, Biblioteca monastica della Certosa, particolare