Firenze - Cenacolo di Sant'Apollonia

Cenacolo di Sant'Apollonia
Via XXVII Aprile, 1  50129 Firenze
Tel. +39 055 290656
drm-tos.cenacolosantapollonia@beniculturali.it

Direttore Angelo Tartuferi
Tel. +39 055 0882000
angelo.tartuferi@beniculturali.it


Temporaneamente chiuso al pubblico per lavori. Ci scusiamo per il disagio.

Indicazioni generali per l’ingresso e la visita ai musei 

In ottemperanza alle disposizioni governative vigenti (DPCM del 23 luglio 2021), dal 6 agosto 2021 per accedere in tutti i luoghi della cultura della Direzione regionale musei della Toscana (musei, monumenti, aree archeologiche, parchi e giardini)​​ è obbligatorio esibire il Green Pass corredato da un valido documento di identità. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.
Per informazioni sul Green Pass https://www.dgc.gov.it/web/

È necessario seguire le indicazioni fornite dal personale di accoglienza e attenersi alle disposizioni di sicurezza:

• Ingresso consentito a non più di 10 visitatori alla volta
• Rilevazione della temperatura a cura del personale e ingresso vietato in caso di febbre superiore a 37.5°
• Ingresso con obbligo di mascherina
• Lavare/igienizzare spesso le mani
• Rispettare la distanza interpersonale all'interno e all'esterno di almeno 1,5 m.
• Non sostare negli spazi di passaggio
• Non toccare le superfici espositive
• Non sono consentite visite guidate di gruppo

_______________________________________

Il Cenacolo è parte del monastero delle Benedettine di Sant'Apollonia, il più grande monastero femminile di Firenze, fondato nel 1339. Il cenacolo fu affrescato su un'intera parete da Andrea del Castagno nel 1447. Tutta la parte inferiore della parete è occupata dall’Ultima Cena: la scena si svolge in un ambiente riccamente decorato, dove ogni elemento architettonico è curato nel minimo dettaglio. L’impostazione prospettica è rigorosa, accentuata dall'effetto geometrico delle linee del pavimento e del soffitto. Al di sopra sono raffigurate la Resurrezione, la Crocefissione e la Deposizione nel sepolcro. Nel 1953 il distacco della parte superiore per motivi di conservazione rivelò le sinopie (disegni preparatori), che oggi si ammirano sulla parete opposta della sala. Nel cenacolo sono esposte anche altre opere di Andrea del Castagno dipinte intorno alla metà del Quattrocento: una lunetta affrescata (e la sua sinopia) con il Cristo in pietà tra gli angeli, una Crocifissione e la sinopia della Visione di San Girolamo tra le Sante Paola e Eustachio. Sulla parete sud della sala si trova un Crocifisso attribuito a Baccio da Montelupoe altre opere quattrocentesche provenienti dall'ex monastero sono esposte nell’antirefettorio insieme a dipinti di Paolo Schiavo e di Neri di Bicci, provenienti dal monastero.


Carta della qualità dei servizi - ultimo aggiornamento novembre 2017

Come arrivare al Cenacolo di Sant'Apollonia


Accessibilità disabili:
All’ingresso del Cenacolo è presente un gradino di 7 cm. Non è disponibile pedana mobile. Presenza di una porta a spinta per accedere all’interno. All’interno il Cenacolo è accessibile alle persone con disabilità. Presenza di un bagno accessibile e adeguato

Cenacolo di Sant'Apollonia - Andrea del Castagno, Ultima cenaFirenze (FI) — Cenacolo di Sant’Apollonia, Andrea del Castagno, Ultima Cena, 1445-1450